Impianto

ESO RECYCLING, UNA RISPOSTA CONCRETA ALLA CARENZA IMPIANTISTICA ITALIANA ED EUROPEA

Le imprese lamentano difficoltà crescenti nella gestione dei rifiuti, con un aumento dei tempi di ritiro da parte degli operatori e una altrettanto significativa lievitazione dei costi di gestione degli stessi. La ragione principale di questa situazione è dovuta alla carenza di impianti adatti per dimensioni, numero e tecnologia di trasformazione dei rifiuti. Pochi impianti, troppo saturi e, a volte, inadatti alle esigenze reali.

ESO RECYCLING ha ideato e progettato un nuovo impianto pilota che renderà possibile il riciclo delle scarpe sportive, camere d’aria e copertoni di biciclette e palline da tennis, valorizzandone i singoli componenti e dando vita a nuovi prodotti.

Il materiale raccolto verrà sottoposto al processo meccanico di riciclo, che può essere riassunto in tre fasi principali:

  1. smistamento del materiale in macrocategorie;
  2. rimozione dei materiali ferrosi;
  3. separazione delle componenti.

Tale processo farà sì che la gomma presente nei materiali in ingresso possa essere trasformata in materia prima seconda e, contestualmente, in un nuovo prodotto. In seguito alla corretta combinazione tra la gomma riciclata con altri leganti, infatti, sarà possibile dare vita a superfici antitrauma ad assorbimento di impatto, utili per aree gioco o pavimentazione sportiva.

Questo processo caratterizza l’unico impianto chiavi in mano, capace di generare tale prodotto completamente riciclato e proveniente da rifiuti.

La creazione di questo impianto pilota non è un evento isolato e unico ma rappresenta il primo step di una più ampia strategia: la creazione di un network di impianti sul territorio nazionale e, successivamente, internazionale che non solo contribuisca alla diminuzione dell’accumulo dei rifiuti nelle discariche ma che metta in atto azioni di economia sostenibile per l’uomo e per l’ambiente. L’obiettivo è quello di realizzare una serie di impianti dislocati su tutto il territorio italiano che contribuiranno alla creazione di posti di lavoro e ad aumentare la consapevolezza che l’uomo ha una grande responsabilità nella tutela e nella preservazione dell’ambiente.